Menu Chiudi

A Cortona 130.000 euro dal Governo 5 Stelle; dal PD invece solo promesse non mantenute.

norma-fraccaro-img

Vi ricordate la campagna elettorale 2014? Quella che ha portato ai 5 anni di amministrazione di Francesca Basanieri? Bene, se la ricordate, dovreste anche ricordare che in piena campagna elettorale la suddetta candidata sindaco tirò fuori dal cappello, con un gioco di prestigio degno del miglior illusionista, una lettera nella quale era scritto che il Governo si sarebbe impegnato a co-finanziare la costruzione di una nuova scuola per il Comune di Cortona.

Orbene, quella lettera fu sbandierata in ogni dove, tanto che sembrava che il Governo italiano fosse alle dipendenze dirette della nostra candidata sindaca e che, dal 2014, tutte le scuole di ogni ordine e grado del cortonese dovessero diventare un vanto regionale. Ma che dico regionale: nazionale!

In quel tempo, anche alla Fratta fu ufficialmente confermata la costruzione di una nuova scuola dove potevano confluire tutti gli studenti della parte nord-est del territorio, isole comprese, e zone limitrofe.

Com’è andata a finire poi? Con un niente di fatto. Il Governo non ha assolto l’impegno di uno sprovveduto Ministro e tutto è rientrato nella logica delle “promesse elettorali non mantenute”, con l’aggravante del coinvolgimento di persone “famose, ma non coinvolte” nella campagna elettorale di Cortona.

Oggi, dopo 5 anni e con un governo decisamente più serio cosa succede? Il Ministro 5 stelle Fraccaro destina 130.000,00 euro al Comune di Cortona per “efficientamento energetico e sviluppo sostenibile”. Come? Inviando una lettera personale al candidato 5 stelle Luca Donzelli? No: emanando una legge che trasferisce per lo stesso obiettivo finanziamenti a tutti i Comuni italiani.

E’ bene far notare un paio di cose, al sindaco Basanieri e a tutti i cittadini: primo, qui si passa da una politica “delle conoscenze e degli appoggi” ad una equa distribuzione di risorse, stabilita per legge, finalizzate al raggiungimento di obiettivi condivisi da tutti; secondo, c’è la certezza di finanziamento così che qualsiasi candidato a Sindaco possa inserire nel programma azioni coerenti alla legge per il benessere della popolazione e, perché no, del Paese.

Da parte nostra, in caso di vittoria abbiamo già nel nostro programma idee chiare e serie su questo argomento, e in più potremo anche cercare di coinvolgere i Comuni vicini (che come Cortona hanno ricevuto finanziamenti analoghi) per un progetto di vallata che potrà essere ancora più incisivo ed utile.

Perché noi, a differenza della ex candidata del PD, non vantiamo conoscenze personali o politiche: vantiamo idee.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *